homepagehomepage
cos'è e cosa fa cittadellarte
  • cittadellarte
  • i nuclei operativi di cittadellarte
  • uffiZi
  • progetti ed eventi per una trasformazione sociale responsabile
  • attività
  • il giornale di cittadellarte
  • news
  • galleria multimediale
  • media
  • cerca
  • A.S.T.I.D.E.
    Arte per la Trasformazione Sociale e il Dialogo Interculturale in Europa


    As_Tide è una piattaforma aperta per connettere individui e istituzioni attive nella promozione dell’Arte per la Trasformazione Sociale Responsabile e il Dialogo Interculturale in Europa.
    Con il supporto del Programma Cultura dell'Unione Europea.


    Il progetto nasce dalla partnership di cinque centri europei che operano nei campi dell’arte e della creatività:
    deBuren (Bruxelles)
    Hangar (Barcellona)
    next - Verein für bildende Kunst (Graz)
    St. James Cavalier (Valletta)
    Cittadellarte (Biella)

    in collaborazione con Love Difference e Atelier Culture Projects.


    “Nell’anno europeo dedicato al dialogo interculturale, As_Tide ha investito in un programma di iniziative avviato nel corpo vivo di un’Europa che sembra aver perso la strada all’interno di un sistema economico che si presumeva unificante, ma si è invece rivelato insostenibile.
    Quale terreno fertile rimane per l’Europa, se non la cultura o le culture? L’Europa come un comune multiplo (piuttosto che un fattore comune) che ci unisce come progetto e aspirazione, piuttosto che elemento minimo dell’identità di tutti.
    As_Tide riconosce che questa prospettiva costruttiva è basata sull’arte come corto circuito tra impegno sociale e autonomia creativa.
    La nostra iniziativa mira a promuovere e liberare le potenzialità di cambiamento attraverso pratiche artistiche, processi di auto-strutturazione, auto-programmazione e bottom-up. Si propone inoltre di contribuire a formare e sviluppare nelle micro-comunità e nelle comunità urbane una visione del cambiamento del tessuto sociale, in senso responsabile e transculturale. Essa riconosce l’esistenza in tutta Europa e nel mondo di un vivace humus pronto per questo cambiamento, fatto di strutture organizzate, individui, interessi comuni, enti pubblici e di uno straordinario scenario in cui le associazioni culturali incontrano la pianificazione urbana, le imprese innovative soddisfano i bisogni sociali e dove gli attivisti incontrano le istituzioni. Gli artisti non partecipano semplicemente a tutto questo, svolgono invece un ruolo fondamentale ispirando, collegando e producendo fattori e processi di cambiamento dall’interno del tessuto sociale.”
    Paolo Naldini, Direttore di Cittadellarte, Capo del Progetto As_Tide

     
    Con l’apertura di 5 cantieri per la trasformazione sociale, gestiti dai partner del progetto, As_Tide espande la nuova geografia del cambiamento in Europa, attraverso l’eplorazione, la sperimentazione, la promozione e la diffusione dell’uso di arte e creatività come mezzi per un cambiamento responsabile/sostenibile/condiviso all’interno del tessuto sociale. Contribuisce inoltre alla promozione della cultura e delle differenze culturali come base per la creazione di un’identità europea condivisa.


    I 5 cantieri di As_Tide:
     
    1. Biella - UNIDEE in Residence, “campus di arte socialmente impegnata” a Cittadellarte, mira alla formazione di attivatori di progetti per una Trasformazione Responsabile della Società. Le abilità degli attivatori si sovrappongono con le competenze artistiche, curatoriali e di gestione dei progetti.Nel 2008, quattro artisti (Christoph Schwarz, Yolanda de los Bueis, Elisa Marchesini e Sarah Vanhee) hanno partecipato a Unidee nell’ambito di As_Tide, realizzando il progetto “Untranslatables” (www.untranslatables.net).
    2. Bruxelles - Centro Fiammingo- Olandese deBuren. Artisti, direttori di teatro e museo, curatori, scrittori, sociologi, rappresentanti religiosi e politici esplorano in che modo i processi creativi influenzano le relazioni socio-culturali ed economiche.
    3. Graz - next - Verein für bildende Kunst. Artisti provenienti da tutta Europa partecipano ad un progetto di “residenza artistica”, per lavorare con il concetto di “heimat”. Molte manifestazioni pubbliche e collaborazioni con istituzioni locali coinvolte nei diversi aspetti della questione dell’integrazione. Sviluppo di nuove idee e concetti per affrontare le questioni aperte nell’integrazione a Graz.
    4. Barcellona - Hangar Centro per la Produzione e la Ricerca nell’Arte. Workshop sul rapporto tra etica ed estetica. Avvio di una riflessione e di laboratorio di produzione di una web TV in tempo reale. Spazio per la socializzazione e la condivisione delle conoscenze.
    5. Malta - Centro per la Creatività St. James Cavalier. Workshop nell’ambito del contesto del Marsa Open Centre, centro di accoglienza per rifugiati politici. Operatori, artisti, ricercatori, amministratori della comunità locale hanno lavorato su un ‘ritratto’ del Centro e sul suo ruolo futuro attraverso un processo di dialogo orientato.

    links